Archivio della categoria: Internet e New Media

Google a servizio de L’Aquila: nasce noilaquila.it

Cosa hanno in comune Google e L’Aquila?
Fino al 14 giugno scorso poco e niente, da quel momento in poi “Noi L’Aquila”!
Sembrano parole senza senso ma in realtà celano un messaggio davvero significativo: quello della solidarietà; sì, perché la solidarietà è uno degli elementi che possono contribuire ad aiutare la città de L’Aquila ad uscire dal periodo buio che sta vivendo dal 2009, quando la terra ha deciso tremare proprio in quell’area distruggendo tutto quello che c’era intorno.
Tante sono state da allora le iniziative solidali a favore della città, come il concerto “Amiche per l’Abruzzo”, per citarne una, e adesso la solidarietà sfrutta il potere del web grazie al progetto powered by Google “Noi L’Aquila”.
Che cos’è Noi L’Aquila?
Dal punto di vista tecnico è un sito o meglio una piattaforma che consente di condividere materiale sulla città de L’Aquila; dalle foto ai video, dai racconti di viaggio ai ricordi, qualsiasi cosa purchè sia avvenuta nel capoluogo Abruzzese.
Inoltre possiamo dire che è anche una piattaforma di progettazione, infatti mentre alcuni utenti sono impegnati a pubblicare il materiale a propria disposizione, altre persone possono dare sfogo alla creatività provando ad immaginare come potrebbe essere la città futura e riportandola sotto forma di un modello in 3D grazie agli strumenti Google SketchUp e Google Building Maker, modelli che magari un giorno potranno dare spunto al reale progetto di rinascita della città.
Se state pensando che tutto ciò sia complicato perché la vostra conoscenza di internet si limita alla posta elettronica sappiate che non c’è nulla da temere perché Google ha pensato anche a voi!
Infatti oltre a creare strumenti utilizzabili da tutti ha messo a disposizione degli utenti una struttura con monitor LCD e connessione ad internet che serve appunto ad aiutare il pubblico in difficoltà.
La struttura ovviamente è stata allestita nel centro della città.

Ma in che modo tutto ciò può aiutare la città de L’Aquila?
Facendo in modo che ciò che è stato distrutto non venga dimenticato; infatti grazie alla collaborazione di tutti quelli che prenderanno parte al progetto con il proprio materiale, verrà preservata la memoria storica del patrimonio artistico e culturale della città, una memoria che potrà essere tramandata in futuro e che altrimenti rischierebbe di esser cancellata per sempre!
In fin dei conti prender parte al progetto non costa niente se si ha qualcosa da condividere, perché anche se noi non siamo grandi come Google possiamo comunque, nel nostro piccolo, contribuire a mantenere vivo il ricordo de L’Aquila con tanto amore e il minimo sforzo.

Voci dal WEB: Facebook pronto per un’IPO da 100 miliardi di dollari entro il 2012?

Facebook si prepara a presentare una richiesta di offerta pubblica iniziale (Initial Public Offering, OPI) già da ottobre o novembre. Il valore del popolare sito di “social networking” schizzerà a più di $100 miliardi. Queste le notizie riportate Lunedì dal canale finanziario CBNC.
L’agenzia Goldman Sachs starebbe conducendo le operazioni per gestire l’offerta, attesa già nel primo trimestre del 2012.
Con più di 500 milioni di utenti, Facebook è il social network più popolare della rete. La “mossa” finanziaria ha già catturato l’attenzione degli addetti ai lavori, accendendo le attese a Wall Street. La decisioni di aprirsi ad un pubblico di investitori più diffuso, contestualmente alla quotazione in Borsa, era “inevitabile”, sedondo quanto riferiva il mese scorso il Chief Operating Officer di Facebook.
Le anticipazione sui progetti per il futuro di Facebook giungono in un momento di accresciuto interesse da parte degli investitori, sulla scia della rapida crescita della società di social networking, e dopo il lancio dell’IPO da parte del sito di networking s LinkedIn Corp, la cui società è valutata a circa $7 miliardi.

Fondata in un dormitorio di Harvard nel 2004, dall’ormai 27 anni, Mark Zuckerberg, la piattaforma di Facebook ne ha fatta di strada. Oggi, colossi come Google Inc e Yahoo Inc non dormono più sonni tranquilli: Facebook è divenuta la destinazione più popolare per i navigatori del Web e un importantissimo canale -vetrina per gli inserzionisti. Il suo valore è stato stimatoa circa 50 miliardi dollari all’inizio di quest’anno, quando Goldman Sachs ha investito nella società. Recenti transazioni di “azioni FB” sul mercato secondario hanno valutato la società tra 78 e 81 miliardi dollari. Si prevede che nel 2011 Facebook sarà in grado di generare circa 4 miliardi di dollari in ricavi pubblicitari, rispetto agli 1,86 miliardi di dollari dell’anno precedente.


Wikileaks ed estradizione di Julian Assange

 

Inizia oggi a Londra il processo che avrà l’onere di stabilire se accogliere o respingere la richiesta di estradizione avanzata dalla Svezia a carico del fondatore di WikiLeaks, l’ormai famoso  Julian Assange. La cosa strana è che nonostante le accuse a suo carico siano pesantissime, si parla infatti di molestie sessuali, queste accuse non si sono mai tramutate in una vera e propria incriminazione.

Se avete approfondito la cosa nei dettagli vi accorgerete che la cosa puzza molto. E’ chiaro che i governi di tutti i paesi osteggiano questa pratica di divulgazione di documenti riservati che potrebbe fare scuola. I legali di Assange hanno comunque detto che se perderanno faranno ricorso.

Intanto Assange rilascia interviste e proprio in una di queste interviste (rilasciata al quotidiano Leggo), ha dichiarato che presto cisaranno nuove rivelazione sul nostro paese.

 ”Berlusconi, ed altri in posizione di potere in Italia – ha dichiarato – dovrebbero fare molta attenzione al fatto che la loro vita privata corrisponda a quella pubblica”.  Comunque non ha detto nulla nè fatto anticipazioni su questi nuovi documenti che potrebbero essere presto resi pubblici.

Ecco un’intervista ad Assange con sottotitoli in Italiano: