Archivio della categoria: Servizi

Buste Personalizzate Biodegradabili:Tutto ciò che c’è da sapere

Per Shopper biodegradabili si intendono Shopper On Line Personalizzate con almeno il 40% della materia prima derivante da una fonte rinnovabile, cifra che salirà al 60% nel 2021 e tutte le buste per alimenti compostabili dovranno essere adatte anche a fungere da primo incarto se il prodotto in questione è un alimento. In questo senso il mercato delle aziende alimentari e non si è evoluto e oggi fornitori come Rifipack propongono ai loro clienti due tipologie di shopper:

  • le shopper monouso biodegradabili e compostabili ai sensi della norma UNI EN 13432:2002;
  • le buste personalizzate riutilizzabili realizzate con polimeri di plastica riciclata e aventi determinato spessore.

La buona notizia per le aziende del settore alimentare è che tali sacchetti saranno a carico del consumatore e la singola voce di spesa risulterà sullo scontrino. Non è un caso unico: solitamente tutte le politiche ambientali si basano sul pagamento di una modica cifra per rendere i consumatori più consapevoli e l’introduzione delle buste personalizzate biodegradabili ha l’obiettivo di ridurre il numero di buste in plastica più inquinanti e che richiedono anche centinaia di anni per arrivare alla fine del ciclo di vita.

Buste personalizzate biodegradabili: una scelta di marketing

Sostituire le tradizionali buste personalizzate in plastica con una busta personalizzata biodegradabile è veramente una scelta sostenibile? A quanto pare sembrerebbe di sì, dato che oggi quasi tutte le aziende hanno realizzato la loro busta biodegradabile al 100% con creatività e capacità di adattarla alla merce da trasportare, per soddisfare non solo le esigenze dell’ambiente, ma anche il gusto estetico dei clienti.

Recandoci al supermercato a fare la spesa troveremo, quindi, sempre meno buste anonime e sempre più shopper personalizzate biodegradabili con il logo e il motto dell’azienda, realizzate interamente con materiali ecologici e completamente smaltibili alla fine del loro ciclo di vita. Il tutto senza rinunciare al design e offrendo al consumatore finale una borsa altrettanto funzionale e resistente di quella in plastica non riciclabile.

Fare pubblicità e marketing è, quindi, possibile anche sulla shopper biodegradabile in plastica o tessuto, grazie alla possibilità di renderla unica con colori, grafiche e scritte capaci di attrarre il consumatore e di trasformare la busta personalizzata in un oggetto complementare al nostro stile e capace di esprimere l’individualità della persona. Non solo: scegliere di realizzare una busta personalizzabile con Rifipack significa anche e soprattutto ammortizzare i costi per la tua azienda e contare su un valido strumento di marketing, oltre a ridurre l’impatto ambientale.

In particolare le buste personalizzate biodegradabili sono molto richieste in grandi magazzini, supermercati, ma anche negozi di vestiario, a testimonianza di una tendenza che, si spera, nel tempo coinvolga le aziende di ogni settore, diventando la scelta consapevole alla base di un consumo consapevole.

Non solo plastica: la shopper in cotone 100%

Parlare di Buste Personalizzate Biodegradabili non significa solamente parlare delle nuove buste per supermercati, ma anche delle shopper in cotone naturale 100% da sempre gradite ai consumatori per la loro bellezza, praticità e versatilità.

In particolare, le cosiddette eco bag di Rifipack si rivolgono alle aziende del settore bio, alimentare e della cosmesi, ma anche a chi produce prodotti naturali e vuole farsi notare a fiere ed eventi o manifestazioni con un grande pubblico. Il cotone delle borse personalizzabili Rifipack è lavabile e riutilizzabile, perfetto per tutte le volte che si vuole fare shopping e per trasmettere l’impegno ecologico della azienda.

Scopri tutte le nostre buste personalizzate.

Come risparmiare soldi durante il trasloco

Il trasloco non è solo uno dei momenti più stressanti della propria vita. È anche un momento in cui il proprio portafoglio è messo a durissima prova. Come fare, allora, per poter risparmiare del denaro da reinvestire in altre attività?

La prima cosa è, ovviamente, quella di confrontare le offerte di traslochi Roma prezzi per ricercare il servizio che – a condizioni di parità – possa garantire un miglior tariffario. Detto ciò, per risparmiare denaro quando si cambia casa, cercate sempre di prendervi il giusto tempo per pianificare in anticipo tale mossa e considerare ogni costo. Pianificando in anticipo, infatti, è molto più probabile che si tenga conto di ogni spesa, e che si debba dunque spendere meno soldi per cose che si sono dimenticate all’ultimo minuto. Si dovrebbe pertanto pianificare tutto ciò che è necessario fare nei mesi, nelle settimane e nei giorni fino al trasloco, assicurandosi di concentrarsi sulle scadenze più importanti come priorità.

In secondo luogo, cercate di sfruttare questa occasione per fare un po’ di ordine nella vostra vita. Cercare di imballare tutto, compresi gli articoli che non siete nemmeno sicuri di voler tenere ancora nella vostra nuova casa, renderà l’imballaggio più stressante e più costoso. Non solo questa attività di pulizia renderà le cose più facili quando si tratta di imballarle, ma renderà anche il costo del vostro trasloco più conveniente, considerato che dipenderà da quanti oggetti state portando con voi (insomma, meno oggetti significa che pagherete meno).

Un altro consiglio per poter risparmiare è quello – se avete la possibilità – di prenotare in anticipo il servizio con la vostra società di trasloco. Alcune società possono infatti offrire delle proposte speciali se si prenota abbastanza in anticipo. Conoscere il momento migliore per traslocare casa vi aiuterà dunque a risparmiare una cifra enorme sui costi di trasloco.

In linea di massima, i mesi estivi dimostrano di essere la stagione più popolare per spostarsi di casa, tuttavia questo significa che le aziende specializzate nei traslochi potrebbero incrementare i loro prezzi. Se siete in grado di farlo, cercate di lasciare la casa dopo le vacanze estive, e cercate dunque di trasferirvi nei mesi autunnali.

Infine, ricordate che è possibile risparmiare denaro su un servizio di imballaggio sapendo dove trovare scatole di cartone gratis. Iniziate chiedendo ad amici e familiari: è possibile che in casa o in qualche deposito abbiano delle scatole di ricambio che sarebbero disponibili a darvi gratuitamente.

Dopo aver fissato la data di trasloco, iniziate a metter da parte le scatole e i materiali di imballaggio che ricevete con consegne di pacchi, o che magari trovate in giro. Ricordate anche che negozi locali, caffè e supermercati avranno una varietà di formati di scatole di cartone ogni settimana, e che probabilmente saranno più che disponibili a farvi avere delle scatole gratis (d’altronde, le riciclerebbero comunque).

Insomma, agite con anticipo, confrontate le varie proposte delle ditte di trasloco che operano nella vostra città, fate un po’ di pulizia tra gli oggetti da spostare e… il risparmio dovrebbe essere assicurato!

In cosa consiste il servizio di deposito mobili

Viene chiamato anche ‘self storage’ ed è un servizio, nato negli Stati Uniti, grazie al quale è possibile ‘parcheggiare’ temporaneamente i propri mobili di casa o dell’ufficio affittando uno spazio più o meno grande. In Italia, il servizio di deposito mobili ottiene sempre più successo e diverse aziende di traslochi contemplano oggi questa modalità.

Deposito mobili. In cosa consiste?

 

Il servizio di deposito mobili, conosciuto anche come modalità ‘self storage’ consiste in una servizio di affitto di spazi privati di metrature variabili da destinare a deposito temporaneo di oggetti. Se parliamo di servizio di deposito mobili entriamo per forza di cosa nell’ambito dei traslochi, ma in generale il self storage racchiude anche altra merce quali archivi, attrezzature e materiali vari.

Ognuno di questi spazi, una volta affittato, viene lasciato a disposizione del cliente che ne usufruisce liberamente, con accesso libero. Ciò avviene a fronte di una spesa di un canone mensile per un periodo variabile a seconda delle esigenze.

Come nasce questa modalità di deposito?

Il self storage viene creato negli USA, intorno agli anni Sessanta, epoca di grandi trasformazioni che imponevano grandi migrazioni di forza lavoro. Le persone si trasferivano spesso per lavoro e di conseguenza avevano l’esigenza di conservare temporaneamente i loro beni (mobili, auto, archivi, etc.) in un luogo sicuro e con bassi costi di gestione, fino al loro ritorno o fino a che non fossero stati in grado di spostarle in una nuova sicura soluzione abitativa.

Fu l’azienda americana Public Storage a costruire il primo grande impianto di self storage in California, imponendosi come prima grande azienda del settore.

I moderni siti di self e business storage nascono invece durante i primi anni 90. Immaginateveli un po’ come quelle città fatte di container colorati vicine ai porti che si vedono nei telefilm americani.

 

Il self storage oggi

 

Il più grande impianto di storage attualmente in attività è negli Stati Uniti: occupa 2.350 milioni di metri quadrati, una superficie equivalente a tre volte l’isola di Manhattan. I cinque più grandi operatori mondiali di storage sono società strutturate e quotate in borsa.

Ampiamente diffuso in tutto il Nord Europa, il servizio di self e business storage si sta diffondendo negli ultimi anni anche in Italia, seppur in maniera graduale.

Attualmente in Italia i centri operativi sono circa 30, con 6 operatori e la maggior parte dei centri aperti hanno delle buone performance sia di fatturato che di occupazione.

Quali sono i vantaggi di questo servizio?

Le caratteristiche principali di questo servizio sono la flessibilità, i bassi costi e l’accesso esclusivo al deposito. Non più un deposito, ma bensì una sorta di ‘albergo’ di merce.

Il deposito mobili rappresenta dunque una soluzione intelligente e flessibile ai crescenti problemi di spazio e di sicurezza dei grandi centri urbani, con costi dilazionati e senza doversi fare carico di grossi investimenti. Nelle grandi città, molte abitazioni non dispongono di cantine o garage capienti e molta roba che magari si vorrebbe mettere da parte, si è costretti a tenersela in casa per tutto l’anno. Attrezzature sportive, mobili, attrezzature stagionali e via dicendo.

E poi ci sono i lavori in casa. Un trasloco o la ristrutturazione di un immobile possono causare non pochi disagi sul mobilio.

Alcuni box sono mobili e le ditte li portano a casa tua, lasciandoteli riempire, per poi riportarseli indietro.

Quanto costa?

Per quanto riguarda i prezzi invece, in media un giorno di affitto parte da un costo di 1,50 euro considerando gli spazi più piccoli, ma la flessibilità di tempi, metrature e quindi anche di costi è una delle variabili vincenti di questo tipo di servizio. Ogni cliente sceglie secondo le sue esigenze e sa che non sta buttando via denaro.Parlando di mesi comunque i costi vanno in media dai circa 45 euro per 2 metri quadrati ai 105 per 5 metri quadrati, poi in genere vengono attivate molte promozioni su periodi di tempo che vanno oltre i tre mesi.

 

 

 

Il CMor rende impossibile il recupero crediti

Il CMor non è soltanto il coefficiente di morosità che viene applicato quando l’utente non paga le forniture di gas e di corrente elettrica ben oltre la scadenza, ma anche un sistema di recupero crediti che costringe di fatto l’utente a pagare (anche se il calcolo della fornitura è sbagliato).

I cittadini, esasperati, non possono fare altro che raccontare le loro storie su Internet. Alla base del disguido con il CMor c’è una bolletta non pagata a causa di un conguaglio errato.

Il problema è cheil cittadino si ritrova poi cattivo pagatore: se si rifiuterà di pagare la bolletta salata, non potrà più accedere alla carta di credito, oppure a un prestito personale, perché il CMor, tramite le agenzie di recupero crediti, invierà i dati del cittadino direttamente alla Centrale per i Rischi finanziari (CRIF).

Gli errori sono spesso madornali, oppure le richieste di pagamento arrivano dopo che il cittadino ha fatto ricorso presso gli enti preposti. Un caso eclatante è di una signora che aveva un disguido nelle pratiche con Edison prima della richiesta di pagamento del CMor.

La signora aveva ricevuto dal CMor una bolletta molto elevata proprio a causa del suo precedente contenzioso con la società energetica: invece di pagare, aveva presentato ricorso, perché il calcolo del conguaglio non era proprio “corretto”.

Senza nessun preavviso, la procedura nei suoi confronti è andata avanti con la messa in mora. Purtroppo, non è l’unico caso di recupero crediti da parte di CMor.

Se la signora era una semplice utente domestica, anche gli imprenditori non se la cavano meglio. Il caso di un ex imprenditore nella ristorazione non lascia dubbi.

L’imprenditore gestisce con il socio un ristorante. Dati i debiti creati per far partire la società, entrambi decidono di intestare l’utenza elettrica alla moglie dell’imprenditore. Dopo breve tempo, la società non va in porto per altri motivi e il ristorante viene venduto a un terzo.

Il terzo, pur ricevendo comunicazioni dalle agenzie di recupero crediti del CMor, non informa l’ormai ex imprenditore. Senza alcuna risposta, giustamente le agenzie contattano telefonicamente l’ex proprietario, intimandogli di pagare.

L’ex imprenditore chiede a quel punto di poter onorare a rate il suo debito, per consentire così il recupero crediti. Gli viene risposto che sarà ricontattato. Le agenzie non informano però l’Enel, che intima il pagamento immediato. In caso contrario, la società staccherà la corrente anche nell’abitazione dell’ex imprenditore.

I cancelli di ferro

 

Da sempre i cancelli di ferro svolgono il fondamentale compito di proteggere le nostre abitazioni, ma non solo. Oggi queste strutture sono divenute anche oggetti di design che vengono utilizzati per abbellire giardini, balconi e portoncini personalizzando la vostra casa e rendendola ancora più bella e personalizzata.
Come sempre il tipo di cancello che si andrà a scegliere dipende da tantissimi fattori, prima di tutto il budget a disposizione, ma anche il design, il valore della casa e il gusto personale.

La costruzione dei cancelli di ferro ad opera di artigiani del design può infatti permetterci di rendere la nostra abitazione altamente personalizzata e di ottenere il massimo risultato in fatto di estetica e funzionalità. Oltre alla forma base quindi potrete scegliere anche elementi per rendere il cancello di ferro ancora più aderente ai vostri gusti, con dettagli e particolari scelti da voi.
Sono tantissimi i cancelli di ferro tra cui scegliere.

Ad esempio se si deve proteggere una grande zona, o un bel giardino, un cancello di ferro apposto sui muri di cinta è l’ideale per proteggere la zona circostante alla vostra abitazione e accogliere i vostri ospiti. In questo caso la maggioranza delle persone predilige un design molto semplice con tondini di ferro che vengono saldati ad una base inferiore e ad una superiore e infine fissati sul muro di cinta con delle viti e il cemento. Un altra tipologia di cancello in ferro molto apprezzata è utilizzata è quella che viene posizionata nel viale d’ingresso per raggiungere un’abitazione. Visita subito il sito web www.ilgiaggiolo.it e scopri gli elementi di arredo giardino che l’azienda toscana mette in vendita online.

Per la spedizione fiori a domicilio affidarsi ai professionisti

 

La spedizione dei fiori a domicilio rappresenta sicuramente un aspetto fondamentale, un servizio che qualifica e attribuisce specifiche capacità professionali. Infatti è divenuto assolutamente imprescindibile. Una ditta moderna ed efficiente deve essere in grado di poter offrire tutto questo alla sua clientela. Difatti oltre a proporre dei fiori belli e curati, delle piante sane e rigogliose, a mettere a disposizione una incredibile varietà di fiori oltre ad essere in grado di realizzare una composizione degna di nota, e che quindi non rappresenti la solita e sciatta e monotona rappresentazione, si è anche in grado di poter offrire e garantire una spedizione dei fiori a domicilio valida ed efficiente.

I fiori e le piante non sono semplici pacchetti, oggetti che possono essere facilmente relegati in un anonimo furgoncino magari maneggiati da mani inesperte e poco attente, ma devono essere trattati con perizia e impegno da personale che deve saper prestare la giusta concentrazione ad ogni minimo dettaglio, ad ogni piccolo particolare e questo proprio perché essi possano giungere al destinatario nel massimo loro splendore. I fiori rappresentano un bene prezioso e meritano quindi tutta l’attenzione del caso. Ricevere una pianta appassita o una composizione floreale afflosciata è la cosa più brutta e antipatica che possa capitare.

Ecco perché diviene aspetto fondamentale l’appoggiarsi a validi e capaci professionisti, in grado di poter offrire il servizio a domicilio dei fiori con tutta la cura e l’attenzione che viene richiesta. Un fiore accompagna e testimonia i nostri sentimenti, le nostre emozioni. Sono il nostro biglietto da visita, diventano una estensione, la rappresentazione di quello che siamo, che vogliamo apparire e che vorremmo fosse comunicato. Le occasioni e le circostanze alle quali possiamo ricorre per donare dei fiori sono varie e molteplici. Poter contare su uno staff di professionisti, di validi esperti nel settore, che possa quindi garantire la spedizione dei nostri fiori a domicilio in tutta sicurezza e tranquillità, rappresenta certamente un valido aiuto, un sostegno su cui possiamo appoggiarci con tutta serenità.